diario-anna_frank

Annelies Marie Frank detta Anne (italianizzata in Anna Frank), nacque a Francoforte sul Meno, il 12 giugno 1929, da una famiglia di patrioti tedeschi di religione ebraica. La sua famiglia era composta dal padre, Otto Heinrich Frank, la madre, Edith Hollander, e la sorella maggiore, Margot Betti Frank.

Il 30 gennaio 1933 Hitler prestò giuramento come Cancelliere nella camera del Reichstag (giuramento primo ministro), meglio noto come Führer und Reichskanzler, e iniziò così la sua ascesa verso la dittatura e le persecuzioni razziali.

Nell’estate dello stesso anno, per effetto delle politiche persecutorie naziste, la famiglia Frank si spostò in Olanda. Il padre, Otto Frank, aprì un’azienda ad Amsterdam e, trovata la giusta abitazione con la moglie, fu raggiunto, prima dalla primogenita Margot, e in seguito, nel febbraio del 1934, da Anna; entrambe erano state ospiti dalla nonna ad Aquisgrana (confine Germania – Olanda).

In breve tempo la famiglia Frank si ambienta e per Anna inizia un periodo felice, anche s’è destinato a finire presto.

Il 10 maggio 1940 i tedeschi invadono l’Olanda e comincia a girare nell’aria la paura che la persecuzione stia dilagando oltre i confini della Germania.

Nel 1942 le persecuzioni razziali si fanno sempre più forti, e così, Anna Frank con la sua famiglia decidono di entrare nella clandestinità per sfuggire ai rastrellamenti nazisti e si nascondo, insieme ad un’altra famiglia di amici, la famiglia Van Peels, e un dentista ebreo di nome Rritz Pfeffer, nell’Achterhuis, uno spazio a due piani posto sopra l’azienda di Otto Frank. La porta d’ingresso all’Achterhuis era nascosta da una libreria e per quanto riguardava il cibo c’erano dei gruppi di amici che, ostili al regime nazista, si preoccupavano di portare cibo e beni di prima necessità ai clandestini ebrei.

Anna Frank e gli altri vissero nascosti per più di due anni, dal 6 luglio 1942 al 4 agosto 1944, e fu durante quel periodo che Anna Frank scrisse il noto diario, che in seguito l’avrebbe resa celebre al mondo come simbolo della Shoah, raccontando le sue paure, l’ambizione di diventare scrittrice e il passaggio dall’infanzia all’adolescenza con la scoperta di sentimenti verso Peter, il figlio dell’altra famiglia, e i primi conflitti con i propri genitori.

Il 4 agosto del 1944 si concludeva il periodo di costrizione nel nascondiglio e iniziava il viaggio verso l’inferno.

Una donna, di cui non si conosce l’identità, denunciò alla Gestapo la presenza di ebrei in uno stabile al 263 di Prinsengracht, e così, Anna Frank, la sua famiglia ed il resto degli inquilini furono arrestati.

Il 2 settembre del 1944 Anna Frank e il resto del gruppo furono caricati su un treno merci con destinazione Auschwitz.

Anna Frank, insieme a sua sorella Margot, trascorse un mese ad Auschwitz-Birkenau e poi fu trasferita nel campo di Bergen-Belsen, dove morì di tifo nel marzo del 1945, un mese prima della liberazione.

L’unico sopravvissuto del gruppo di partenza fu Otto Frank che, dopo essersi rimesso, tornò ad Amsterdam, e lì, Miep, uno degli amici che avevano supportato la clandestinità della famiglia Frank, gli consegnò il diario che Anna aveva scritto durante il periodo nel nascondiglio.

Il padre di Anna Frank, utilizzando il materiale composto dalla figlia e apportando alcune modifiche e cancellazioni, pubblicò l’opera letteraria con il titolo di Het Achterhuis (Il retrocasa).

Solo dopo la morte di Otto Frank, la fondazione Anne Frank di Basilea commissionò alla scrittrice Mirjam Pressler il compito di creare una versione fedele agli scritti di Anna Frank, recuperando le parti che il padre aveva modificato e cancellato; fu così, che uscì la versione ufficiale de “Il Diario di Anna Frank”.

- Curiosità:

  • Il Diario di Anna Frank nasce dalle due versioni scritte dall’autrice; la prima, che corrisponde al racconto giornaliero della vicenda, e la seconda, che è una trascrizione del diario in vista di una possibile pubblicazione.
  • Nella pubblicazione del padre furono rimosse le parti con argomenti amorosi o sessuali, il conflitto con i genitori e tutto ciò che sembrava non addirsi alla società dell’epoca.
  • Il diario di Anna Frank è stato tradotto in 55 lingue.
  • Il nascondiglio in cui visse Anna Frank, al 263 di Prinsengracht ad Amsterdam, è stato trasformato in un museo.
  • Dalla sua prima pubblicazione, il Diario di Anna Frank è stato adattato ad un opera teatrale che vinse il Premio Pulitzer nel 1959, ed a film che vanno dall’animazione alla pellicola di Jon Jones del 2008.

Nella speranza che non si dimentichi l’inferno che si scatenò per opera delle forze nazifasciste e che s’impari a rispettare le diversità nella loro totalità.

Anna_Frank-Tomba

Anna Frank
Francoforte sul Meno, 12 giugno 1929 – Bergen-Belsen, 31 marzo 1945
 

……….

Ti piace questo articolo?

Condividi su:
 

<<<<<>>>>>

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

  1. Amy Winehouse – Una Vita tra Luci ed Ombre
  2. Papa Giovanni Paolo II – La sua vita in breve…
  3. Aung San Suu Kyi libera! Scopri la storia della sua vita…
  4. 27 Gennaio – Il Giorno della Memoria
  5. Lo chiamavano Re del POP